Aree di intervento

Tempo di lettura: 20 minuti

L’offerta Municipia

L’innovazione dei processi gestionali e amministrativi è un aspetto strategico per lo sviluppo e il governo della smart city: lo smart government è la risposta dei servizi pubblici digitali alle specifiche esigenze dell’utente che entra in relazione con il territorio. L’applicazione delle tecnologie digitali, che raccolgono i dati dalla città, li gestiscono in maniera intelligente ed efficiente, e conducono alla trasformazione delle informazioni in servizi per il cittadino, cambia radicalmente la gestione dei servizi pubblici: più semplice, più efficace ed efficiente, trasparente, meno costosa.

Ambiente e territorio

I dati ambientali e territoriali sono, per l’Ente Locale, uno strumento di valutazione determinante per le scelte di pianificazione e gestione del territorio, nonché una fonte per la realizzazione e integrazione di approfonditi studi di settore che facilitino la progettazione di interventi di mitigazione del rischio. L’ideazione di progetti, azioni e strategie volte alla valorizzazione e alla tutela dell’ambiente, alla prevenzione e alla gestione dei rischi, alla fruizione corretta e sostenibile del territorio è un importante mattone nella costruzione di un alto livello qualitativo di vita per i cittadini. Lo sviluppo di una strategia di Smart Environment, o sostenibilità ambientale, passa anche attraverso l’uso di energia “verde” e la pianificazione urbana ecosostenibile.

Open e Big Data

Governare i big data ed estrarre informazioni di valore da essi è, per la Pubblica Amministrazione, una capacità fondamentale: per capire il rapporto dei cittadini con lo spazio in cui vivono, per capire ed anticipare i bisogni, per analizzare le trasformazioni sociali e urbane, per promuovere nuovi servizi, per impostare strategie di sviluppo. I dati dell’Amministrazione devono essere open, leggibili da parte di cittadini e imprese, per stimolare la partecipazione civica e per promuovere lo sviluppo economico e sociale. Per diffondere open data comprensibili e leggibili senza distorsioni, che dunque promuovano la trasparenza, è necessario ricorrere a tecnologie di analisi dei big data, per filtrarli e ordinarli. È dalla trasparenza e dalla diffusione dei dati che nasce la Smart Governance.

Salute e Servizi Sociali

I dati sull’invecchiamento della popolazione sono in continuo aumento, tanto che anche l’ONU parla di “rivoluzione demografica” e, nella classifica dei Paesi più vecchi del mondo stilata dall’ONU nel 2000, l’Italia è al primo posto, con una percentuale di popolazione anziana del 25% destinata a raggiungere il 46,2% nel 2050. Con l’aumento dell’aspettativa di vita e l’innalzamento dell’età media degli abitanti, aumenta anche la richiesta di cure e servizi, che comporta una risposta nuova da parte delle Istituzioni. La soluzione efficace è la Smart Health: abbatte i costi dell’assistenza sanitaria, migliora l’integrazione tra strutture, innalza la qualità dei servizi al cittadino attraverso l’infrastrutturazione tecnologica e digitale.

Cultura e turismo

Per molti Comuni, il settore turistico-culturale rappresenta un’entrata economica consistente, di cui assicurare la continuità nel tempo e in termini quantitativi. Per questo, la Pubblica Amministrazione deve esercitare un controllo attento e costante dei flussi e delle dinamiche dell’utenza e una gestione accuratamente pianificata ed efficiente delle risorse, economiche e umane. I big data e i sistemi di raccolta dei dati in tempo reale sul campo, le ICT, le piattaforme di gestione online sono strumenti e mezzi fondamentali attraverso cui espletare tali mansioni, contribuendo a velocizzarle ed economizzarle e aiutando a progettare soluzioni vicine ai bisogni reali.

Fiscalità

La continua revisione dei trasferimenti agli Enti Locali, una crisi economica con importanti conseguenze sulle dinamiche sociali e una normativa soggetta a frequenti cambiamenti hanno impresso una brusca accelerazione alla necessità dei Comuni di gestire con la massima attenzione il tema della entrate. Dai servizi e dai software per la gestione delle entrate e per il governo del territorio ai progetti innovativi integrati con i sistemi gestionali già in uso presso gli Enti, le soluzioni tecnologicamente avanzate permettono di raggiungere tre obiettivi fondamentali: equità fiscale; centralità del cittadino, destinatario di servizi evoluti per la semplificazione degli adempimenti; pianificazione e controllo delle risorse.

Mobilità

La valorizzazione dei dati e delle informazioni, anche attraverso sistemi di rete che consentono un’integrazione ed elaborazione in tempo reale, è un elemento abilitante della Smart Mobility. Tutte le azioni che concorrono alla definizione di un nuovo concetto di mobilità non solo fanno parte delle politiche di sviluppo e modernizzazione, ma contribuiscono alla tutela dell’ambiente riducendo sprechi e inquinamento e migliorano la qualità della vita dei cittadini. Ripianificare i sistemi di mobilità in maniera razionale, efficace, efficiente e sostenibile, ottimizzando l’uso e lo sviluppo delle risorse economiche, umane e ambientali, significa dare ai cittadini e alle imprese servizi più utili e personalizzati, per soddisfare al meglio i bisogni.

Scuola

I big data provenienti dal settore dell’istruzione e della formazione, frutto delle procedure amministrative e gestionali, di apposite rilevazioni statistiche, delle attività di valutazione e autovalutazione della didattica e della ricerca, sono una preziosissima miniera di informazioni. Tali informazioni sono utilissime per la formulazione delle politiche e per le scelte gestionali delle Istituzioni. Dati e strumenti tecnologici potrebbero entrare tra gli strumenti didattici, facilitando il controllo dei processi di apprendimento da parte degli insegnanti e la progettazione delle attività e rendendo il sistema scolastico moderno e accessibile, in termini di qualità degli edifici, ’infrastruttura fisica e didattica. Avere edifici performanti, ambienti ed aule studiate appositamente per insegnare in modo innovativo, familiarizzare gli studenti all’utilizzo degli strumenti tecnologici sono obiettivi importanti perché gli studenti stessi saranno i futuri cittadini attivi e partecipativi nelle smart cities.

Sicurezza urbana

Per i cittadini, avere una qualità della vita elevata significa anche sentirsi sicuri nella propria città, nel proprio paese. Una risposta efficace al senso di insicurezza e ai potenziali pericoli può arrivare direttamente dall’analisi dei big data raccolti direttamente dall’ambiente urbano in tutte le sue sfaccettature, anche quelle non immediatamente riconducibili al tema della sicurezza. L’applicazione di nuove tecnologie per la sicurezza, la conoscenza in tempo reale di ciò che succede in città, le predizioni basate su dati raccolti, l’analisi e la combinazione dei dati stessi danno vita a una nuova idea di sicurezza urbana: più immediata e più vicina ai cittadini e ai loro reali bisogni e più funzionale a un miglior controllo del territorio da parte della Pubblica Amministrazione, per capire se gli interventi stiano andando nella direzione giusta o, semplicemente, quali siano quelli più opportuni.

Efficienza energetica

Negli ultimi anni i Governi hanno posto una maggiore attenzione alle politiche di efficienza energetica, fondamentali per combattere il cambiamento climatico e garantire l’accesso all’energia. Diminuire il consumo energetico e intensificare la transizione verso le energie rinnovabili non solo sono priorità fondamentali all’interno di una strategia di Smart Environment che elevi la qualità della vita; sono anche azioni fondamentali per impostare una strategia economica intelligente, che sfrutti le risorse in maniera efficiente e generi risparmio economico per i cittadini, le imprese, la Pubblica Amministrazione. In quest’ottica, l’analisi dei dati dei consumi energetici permette di ottimizzare i consumi, ridurre le inefficienze e conseguentemente i costi, impostare le strategie di manutenzione e sviluppo e attuare politiche di risparmio energetico.

Infrastrutture e patrimonio

Una migliore gestione del Patrimonio pubblico e delle Infrastrutture della città è fondamentale per migliorare l’efficienza dell’economia comunale e per consentire un migliore sviluppo sociale e urbano della Smart City. Monitoraggio e controllo associati a strumenti tecnologici di management non rappresentano solo un’opportunità per la Pubblica Amministrazione di elevare la qualità della governance urbana, ma anche l’occasione per trasformare il proprio rapporto con tutte le fasce sociali presenti sul territorio.

Servizi online

La Smart Governance, l’organizzazione politica intelligente, nasce anche dall’applicazione delle ICT ai servizi pubblici, per garantire totale accessibilità ai cittadini nell’ottica dell’innovazione, dell’ammodernamento del sistema pubblico, ma soprattutto della maggiore trasparenza e della semplificazione dei procedimenti amministrativi. Le possibilità offerte dagli strumenti tecnologici non solo stravolgono le modalità tradizionali della comunicazione istituzionale on-line, giovando di tempi e modalità di trasferimento dei dati più celeri e sicure, ma migliorano la qualità di dati e documenti e favoriscono interoperabilità e coerenza dei servizi. Conseguente all’introduzione di nuovi sistemi tecnologici e all’ampliamento della gamma dei servizi offerti, è una rapida diffusione dell’uso dei pagamenti elettronici: un sistema semplice, sicuro e trasparente per il cittadino e per la Pubblica Amministrazione o per l’Ente erogatore del servizio. Le transazioni elettroniche oltre ad essere veloci, standardizzate, affidabili e migliorative dell’esperienza d’uso per l’utente, sono d’aiuto nella gestione fiscale sia per il cittadino, sia per l’Ente.

Economia locale

Dalla logistica delle merci alla messa a punto di metodi innovativi per lo scambio, la promozione locale, l’aumento dei servizi per le imprese, le Pubbliche Amministrazioni si trovano ogni giorno a confrontarsi con le richieste di chi fa impresa. L’utilizzo delle ICT in un’ottica di Smart Economy, crea un’interconnessione locale e globale fra le imprese, che che garantisce flussi di beni, servizi e conoscenze. Per consentire al Piano Nazionale Industria 4.0 di svilupparsi al suo meglio, e quindi dare a tutte le imprese locali l’occasione di cogliere le opportunità legate alla quarta rivoluzione industriale, il territorio deve consentire loro di operare in una logica di neutralità tecnologica, di intervenire con azioni orizzontali e non verticali o settoriali. Per questo la banda larga, il migliore governo delle infrastrutture, il superamento del concetto di quartiere industriale, sono fattori abilitanti per l’economia locale.